RELIGION TODAY FILMFESTIVAL 2010: XIII EDIZIONE “VIAGGI DELLA FEDE. VIAGGI DELLA SPERANZA”

Città del Vaticano
Mercoledì, 12 Maggio, 2010
È Viaggi della fede. Viaggi della speranza il tema della tredicesima edizione di Religion Today Filmfestival, primo festival internazionale dedicato al cinema delle religioni per una conoscenza reciproca tra persone, popoli, fedi e culture. 
Il tema dell'anno intende mettere in relazione due diverse modalità del viaggiare: dal pellegrinaggio, inteso anche come metafora della condizione umana nella sua dimensione di interrogazione e di ricerca, alle migrazioni di persone e di popoli spinti dalla necessità e dal bisogno. “Nel tempo dei viaggi d’affari e dei tour operators – commenta il presidente Davide Zordan – c'è anche chi parte semplicemente perché non ha un posto dove vivere, una vita da vivere. E qualcun altro che parte perché vorrebbe dare un significato diverso alla propria vita. Ci può essere un dialogo tra chi parte spinto dalla fame e chi, spesso, da un senso di sazietà insoddisfatta? E cosa può dire il cinema al riguardo?”. “Per Religion Today, festival itinerante ed ‘esplorazione delle differenze’, la dimensione del viaggio è da sempre fondamentale – aggiunge la direttrice Katia Malatesta. – In un mondo in cui anche l’“altrove” e l’“esotico” vengono venduti last minute, vogliamo tornare al concetto del viaggio come occasione di un incontro profondo con quel ‘diverso da noi’ che ci induce positivamente ad interrogarci su noi stessi, sui nostri valori, sulle nostre visioni del mondo. Ma ai movimenti di persone e comunità sono legate anche paure e tensioni crescenti. Un fenomeno globale al quale anche le religioni sono chiamate a dare risposta.” 
Quest'anno il Festival si svolgerà nel periodo 8-21 ottobre 2010 fra Trento e provincia, Roma, Bolzano, Bassano e Nomadelfia, con un’anteprima a Teggiano Policastro (2 ottobre). Operando su numerose sedi provinciali, regionali e nazionali, il festival intende offrire al pubblico più ampio la possibilità di accedere ad opere di qualità provenienti spesso da cinematografie lontane e poco conosciute, raramente fruibili in altri contesti. La rassegna è aperta a film a soggetto, cortometraggi, documentari e reportages televisivi che dovranno pervenire entro la deadline del 10 luglio 2010. Tra questi una commissione selezionatrice individuerà le nominations per il concorso internazionale e per i premi tematici conferiti dalle giurie speciali nelle sedi del Festival. 
Per il terzo anno consecutivo il manifesto del Festival è un omaggio di Ali Vazirian, regista vincitore di Religion Today 2008 e artista di livello internazionale attivo nella pittura e nella grafica. L’immagine interpreta la dinamica unità/pluralità che da sempre caratterizza la dimensione sociale del Festival come contributo ad una cultura del dialogo e della pace. 
L’apertura dei lavori si terrà a TRENTO, dove saranno proiettati tutti i film in concorso e si riunirà la Giuria internazionale, composta da 5 esperti di varia provenienza culturale e religiosa. Il programma trentino si aprirà con un incontro pubblico dedicato al tema dell’anno organizzato con il Centro Astalli nell’ambito della collaborazione tra l’Associazione Bianconero, che organizza il Festival, e gli altri soggetti aderenti alla Fondazione S. Ignazio. Nove giornate ininterrotte di proiezioni, incontri e attività per le scuole, estesi anche al territorio provinciale, permetteranno di mettere a fuoco il ruolo centrale che il linguaggio audiovisivo e i nuovi media hanno assunto all’interno della società globalizzata attraverso l’attivazione di un percorso laboratoriale di educazione all’immagine ad opera di esperti e professionisti dell’audiovisivo. Parallelamente i diversi aspetti di culti e credenze saranno approfonditi attraverso un’interazione sempre più stretta con il Centro Diocesano per l’Ecumenismo e il Dialogo interreligioso e con il Tavolo Locale delle Appartenenze Religiose. Per un coinvolgimento sempre più attivo della popolazione della città e delle valli trentine, nelle settimane precedenti il Festival saranno riunite giurie popolari e di tecnici (giornalisti, migranti, giovani, donne ecc.) che nella cerimonia in programma per la serata di sabato 16 ottobre consegneranno ai vincitori i premi speciali del Festival. 
Allo strumento delle giurie speciali come occasione di coinvolgimento e partecipazione faranno ricorso anche le sedi di NOMADELFIA e BOLZANO/BOZEN con particolare riguardo ai giovani e alle scuole. I gruppi familiari della comunità grossetana fondata da don Zeno Santini attribuiranno il premio “Fraternità”, mentre il capoluogo altoatesino, città dalla forte dimensione multilingue e multiculturale nel cuore d’Europa, vedrà la nuova collaborazione tra il Teatro Cristallo, dove i film del Festival verranno proposti con sottotitolatura e/o voice over in italiano e tedesco, e le classi dell’Istituto Salesiani Don Bosco Rainerum, che nell’approccio ai film porteranno il loro modo di percepire la realtà e le loro speranze per un mondo dove comunicare significhi anche comprendersi. 
Alla sede di BASSANO, presso il centro di spiritualità ignaziana di Villa San Giuseppe, si aggiungerà per la prima volta la diocesi di TEGGIANO-POLICASTRO in provincia di Salerno. L’anteprima, in programma per il 2 ottobre 2010, si inserisce nel percorso continuativo di incontro e scambio iniziato nell’estate 2008 con la vicina comunità di Sant’Angelo a Fasanella, secondo una progettualità “in cammino” in linea con la storia e gli intenti di Religion Today. 
Anche quest’anno ROMA ospiterà l’esperienza, ormai consolidata, del “Laboratorio di Convivenza” tra registi, direttori di festival, critici cinematografici, produttori e operatori dell’audiovisivo provenienti da diverse culture e religioni. Gli ospiti internazionali potranno condividere le giornate del workshop con momenti di riflessione, tempi di preghiera – ognuno nella propria fede – e incontri informali orientati a favorire i contatti e lo scambio nello spirito di una “convivialità delle differenze”. Nel corso della tre giorni sarà rinnovata la collaborazione con la Facoltà di Scienze della Comunicazione Sociale della Università Pontificia Salesiana per l’organizzazione di una intera giornata di studi che muoverà dal tema del Festival per approfondire, in una prospettiva interreligiosa, la rappresentazione cinematografica del sacro. Inoltre, una giuria di studenti assegnerà un premio che metterà in risalto gli assi portanti delle attività di Facoltà: i giovani e la comunicazione.
 
L’ATTIVITÀ ANNUALE
Religion Today è anche centro di cultura attivo tutto l’anno per mettere a disposizione di scuole, enti e associazioni un archivio ricco di oltre mille titoli provenienti dai cinque continenti. Altrettanto eterogenea la proposta delle religioni rappresentate: tra le altre, ebraismo nelle sue diverse espressioni, cristianesimo ortodosso, protestante e cattolico, islam sunnita e sciita, sufismo, induismo, buddismo e grandi testimonianze di dialogo interreligioso. Centinaia di studenti hanno partecipato dallo scorso gennaio agli incontri organizzati negli istituti trentini; è inoltre in fase di predisposizione un nuovo sistema di materiali a struttura dinamica e modulare che raccoglierà l’esperienza dei precedenti “kit dello studente” con schede di film, moduli di valutazione e attività di approfondimento in grado di stimolare la progressione ascolto – confronto – valorizzazione delle identità. 
Da sempre il cammino di Religion Today si definisce attraverso la relazione con altri festival, Enti e soggetti culturali e spirituali che condividono una medesima cultura del dialogo e della pace. Nella propria storia, Religion Today ha toccato diverse località in Italia e nel mondo, tra cui Trento, Roma, Milano, Bologna, Bolzano/Bozen, Nomadelfia, Ferrara, Sant'Angelo a Fasanella, Bassano, Gerusalemme, Londra, Teheran, Dhaka-Bangladesh, San Paolo Brasile, Deir Mar Musa-Siria. 
A livello internazionale lo staff di Associazione Bianconero/Religion Today Filmfestival è attualmente impegnato nella microazione Children of Abraham per la convivenza pacifica in Israele-Palestina, che si concluderà nel novembre 2010 con la partecipazione di ragazzi arabi ed ebrei ad un ritiro interreligioso presso il Lager di Auschwitz-Birkenau. Dopo la recente partecipazione alle importanti iniziative della Officina Medio Oriente, organizzata dall’Assessorato alla Solidarietà internazionale e alla convivenza della Provincia autonoma di Trento (16-21 marzo 2010), prosegue l’impegno formativo del Festival nell’ambito del progetto provinciale “Dialoghi in cammino”, mirato a favorire il passaggio dal multiculturalismo all'intercultura. Un primo gruppo interreligioso di giovani provenienti da diverse zone del Trentino ha già completato un percorso culminato in un viaggio in Siria lungo l’antico cammino del patriarca Abramo (Abraham Path). Nei prossimi mesi il progetto proseguirà per contribuire a diffondere i temi della solidarietà e della pacifica convivenza in seno alla società civile trentina. 
Tra le attività 2010 emerge con forza anche il consolidamento della presenza del Festival nel Sud Italia, attraverso la collaborazione con altre rassegne cinematografiche (Quadra Film Festival, Epizephiry International Film Festival) e l’organizzazione di proiezioni dall’archivio di Religion Today. All’appuntamento ormai stabile di Sant’Angelo a Fasanella nel parco nazionale del Cilento (16-20 agosto), si aggiungerà a stretto giro la “new entry” di Campochiaro in Molise (21-22 agosto), grazie anche alla collaborazione sempre più intensa con l’Associazione Comunicazione e Cultura Paoline ONLUS. I due comuni ospiteranno i lavori di due giurie popolari, coinvolgendo le comunità nell’ospitalità e nella gestione tecnica delle manifestazioni. 
Tra le novità, spicca la rassegna di cinema e dialogo (12-14 maggio 2010) organizzata in collaborazione con il Nuovo Cinema Aquila di Roma, “spazio di nuove visioni” sequestrato alla criminalità organizzata e restituito alla vita culturale della città con una dedica programmatica a Tom Benetollo, rimpianto protagonista e guida di battaglie per la pace. 
Dopo la positiva esperienza del seminario internazionale organizzato a Trento nell'ottobre 2009, prosegue inoltre il percorso di proposta e riflessione sul ruolo delle religioni nelle relazioni internazionali nato dalla collaborazione fra Ministero Affari Esteri - Unità di Analisi e Programmazione, ISPI, Provincia autonoma di Trento e Religion Today Filmfestival. In programma l’approfondimento delle dinamiche tra “Religioni e governance globale” e l’interazione col cinema nell’ambito della XIII edizione del Festival.